Texas Hold em, le principali varianti

poker_hand_holdem

Scopriamo insieme quali sono le varianti del Poker Texas Hold em più popolare. Il Poker è stato sempre un gioco in continua evoluzione. Si è partiti dal gioco classico, con cinque carte coperte, che ha costituito uno sviluppo importante che riguardava non solo il perfezionamento e l’ufficializzazione delle proprie regole, divenute internazionali, ma anche nell’ottica dell’assunzione di alcune varianti del gioco. Il poker infatti, a partire dal gioco classico detto anche poker tradizionale, ha man mano sfornato varianti su varianti, a seconda di come l’immaginazione dei giocatori si sbizzarriva. L’esempio più importante di queste varianti è sicuramente il poker Texas Holdem, ma non è l’unico. Altre varianti infatti, hanno seguito il Texas Hold em anche detto Poker alla Texana, come ad esempio la Telesina, il 7 Card Stud, l’Omaha, il 5 Card stud e così via.

Le varianti del Poker si possono classificare in Community Card Poker, che include anche il Texas Hold em, ma anche l’Omaha, il Pineapple e il Tic Tac Toe; il Draw Poker, che comprende il 5 card draw tradizionale, ovvero il poker con le cinque carte coperte; lo Stud Poker, ovvero un misto di carte coperte e scoperte, come ad esempio il 5 card stud e il 7 card stud, il Razz Poker e la Telesina. Infine vi è un’altra categoria, di specialità che contengono altre specialità, come ad esempio l’H.O.R.S.E.

A proposito delle specialità sotto la categoria della Community Card Poker, abbiamo già detto come al suo interno sia incluso il Texas Hold em, o Poker Texano. In questo si danno due carte coperte e cinque community card e quindi scoperte. Simile al Poker alla Texana è il Pineapple, dove invece le carte private sono 3, delle quali però una è da scartare subito per proseguire il gioco. Un altro gioco di questa categoria è il simpaticissimo Tic Tac Toe, poco diffuso nei casinò. Questo prevede che le community card siano nove, disposte in un quadrato 3 x 3. Ogni giocatore potrà formare il punteggio unendo le proprie carte a quelle della community, unendole ad altre tre a scelta, in fila o in diagonale, seguendo le regola del tris. Un altro importantissimo gioco di questa categoria è l’Omaha. Le regole sono le stesse del Texas Hold em, soltanto che le carte coperte distribuite ad ogni giocatore sono quattro invece di due. Il punteggio comunque, dovrà costruirsi soltanto unendo due di queste, alle community card, non di più né di meno.

Passando ad un’altra categoria, che però non comprende il Texas Hold em poker on line, passiamo a quella del draw Poker, ovvero delle carte coperte. A questa famiglia appartiene il classico 5 card draw, il poker tradizionale, che, prima dell’avvento del Poker Texano, era protagonista indiscusso di ogni sala da gioco e Casinò. Ad ogni giocatore vengono fornite cinque carte coperte, delle quali il giocatore potrà scartarne fino ad un massimo di quattro per riceverne in numero uguale, sempre coperte. Il punteggio rimane totalmente nascosto fino alla fine del gioco.

L’ultima categoria è quella dello Stud Poker, ovvero un poker che unisce il gioco con carte scoperte a quello delle carte coperte. Il gioco alla fine è facilmente giocabile per qualsiasi giocatore che abbia conoscenza delle regole del Texas Hold em o del Poker alla Texana, perché molto simili. Nel 7 card Stud, la distribuzione delle carte avviene in questo modo: prima vengono date tre carte di cui due scoperte e una coperta, successivamente vengono distribuite 3 community card una per volta e scoperte, infine vi l’ultima carta, coperta, per ogni giocatore. La regola prevede che per avvalersi di un punteggio del Full, tra le carte scoperte deve esserci almeno una coppia, oppure 3 carte dello stesso seme se si vuole mostrare un colore. Il 5 card stud è identico, solo che viene distribuita una sola carta coperta a ciascun giocatore, invece di due.

poker-stud

I Commenti sono chiusi