Cerca
Calendario
maggio: 2010
L M M G V S D
« apr   giu »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

L’eccezione che conferma la regola

sit-and-go

Immaginatevi di giocare una mano di Texas Hold’em in un Sit and Go Heads up e di vincere un grosso piatto grazie al river che ci regala un bellissimo colore di cuori, che batte i tre assi del nostro avversario. Ouch! Direbbero oltreoceano. Quel 6 di cuori al river proprio non ci voleva per il nostro avversario, che già stava pregustando un succulento piatto. E’ chiaro che tali situazioni non fanno piacere a nessuno e sono in grado di indurre al tilt buona parte dei giocatori di Texas Hold’em. Ma quello di cui voglio parlarvi è ciò che accade la mano dopo quando decidiamo di fare all con in mano AT in al raise 4x del nostro avversario, che, dopo una istant call, ci mostra A9off. Fine della partita e vittoria per noi.

Poi ci pensiamo un attimo e non riusciamo a capire per quale diavolo motivo un giocatore come il nostro opponent, che conosciamo bene e sappiamo essere molto tight, abbia deciso di giocarsi la partita con una mano così marginale come A9.

Avatar temporaneo

Chiaramente la chiamata finale riflette lo stato di tilt in cui il nostro avversario era stato catapultato dal nostro colore di cuori. E’ importante, dal canto nostro, saper riconoscere tali situazioni e saperle sfruttare a dovere, in particolare andando a over bettare i nostri punti forti, sia pre flop che sul flop. Se per esempio il flop recita 77J e noi abbiamo un 7 spingiamo più forte del normale, perché un avversario in tilt difficilmente sarà in grado di foldare un J in tale situazione. Il bravo giocatore di Texas Hold’em sa riconoscere queste situazioni. Attenzione però a non essere noi le vittime di questa situazione, andando ad assumere lo stato di Tilt come il vero profilo del nostro avversario. Quello che abbiamo di fronte è un Avatar Temporaneo, dettato solo dal Tilt. Se il giorno dopo incontrerete nuovamente questo avversario di sicuro non chiamerà il vostro all in con A9 e quando sarà lui a fare all in non avrà di certo A9 in mano.

La corretta immagine

Tutto questo per dirvi che la corretta immagine di un giocatore di Texas Hold’em, in grado di riflettere a dovere il suo stile, è quella che traspare durante la maggior parte delle mani, giocate in situazioni di normalità. Quando si verificano tale eccezioni è in primo luogo importante saperle sfruttare a proprio vantaggio, e in secondo luogo non accordargli troppa importanza, perché destinate a non durare.

Articolo a cura di Poker.it

Inserisci un commento